Incontro con
Simone Guglielmini

Zanzare Guglielmini-Bianco

Raccontaci un po' di te . Quando sei nato e dove, e quale è stato il tuo percorso artistico prima di arrivare alla pubblicazione su “Detective Dante”.
Allora, sono nato nel Maggio del 1968 a Firenze, la città dove vivo tutt'ora. Fin da piccolo ho letto fumetti (specialmente nell'era dell'editoriale Corno in Italia) e mi e' sempre piaciuto disegnare. Riempivo i diari degli amici a scuola ed ho realizzato non so quanti biglietti di auguri su commissione, ma la cosa finiva li'.
Nel 1991 ebbi un grosso incidente in moto che mi costrinse ad abbandonare il lavoro e restare a casa per un anno intero con a disposizione molto ore libere…così iniziai a dedicare al disegno un po' più di tempo.
Ho iniziato a disegnare su fanzine, tra cui LittleNemo. Ma soprattutto ho iniziato ad imparare le basi per disegnare una tavola a fumetti come la prospettiva, il panneggio, le ombre, composizione e regia).
In questo percorso e' stata molto importante la mia amicizia con Giuliano Piccininno e con Marco Bianchini che ho conosciuto frequentando la Scuola di Fumetto di Firenze. Ho anche fatto un corso di corrispondenza alla Joe Kubert School…a quei tempi l'azienda dove lavoro mi voleva trasferire in USA e cosi' decisi di farlo.
Ho iniziato a disegnare cose professionali da…Illustratore per la casa editrice DOMUS (quella che pubblica Quattroruote) ed in particolare fui contattato per disegnare sulla rivista di auto d'epoca Ruoteclassiche: dovevo illustrare momenti salienti di corse del passato cercando di enfatizzare con le inquadrature la drammaticità e dinamicità delle scene. Ho lavorato con loro per circa due anni ed e' stata un'esperienza enorme.

Un illustrazione per la rivista

Sempre in quegli anni ho lavorato sempre come illustratore per una rivista buddista e per la pubblicità di alcuni prodotti per una nota casa farmaceutica.
Nel campo del fumetto, invece, nel 2002 fui scelto per disegnare il progetto Churmo. Qui ebbi l' occasione di conoscere Riccardo Burchielli (che ha disegnato la prima parte dell'albo) e di approfondire la mia amicizia con Marco Turini che era il supervisore dell'albo. Dopo questa esperienza mi sono messo a lavorare ad un progetto personale, postando spesso cose su internet e in un Luglio assolato ricevetti una mail di Roberto Recchioni che mi propose di disegnare un libero su Lanciostory ed un numero di Detcctive Dante (il numero 9). Tutto questo non facendo il disegnatore come primo lavoro, ma solo nei ritagli di tempo…durante il giorno sono un rispettabile impiegato nel mondo dell'informatica…poi la notte...
Qual è il personaggio in cui ti piacerebbe cimentarti?
Bella domanda…direi quelli neri in genere…a me il nero (noir, crime stories ecc…) piace da matti. Infatti mi sono veramente divertito a disegnare un personaggio come Henry Dante o il libero alla Woo scritto da RRobe…Infatti le sole prove alla Bonelli che ho fatto (rimbalzando) sono state per Nick Raider.
Sognando mi piacerebbe disegnare un fill-in di 100 Bullets e mi piacerebbe provare a disegnare un Dylan Dog.
Quali sono i disegnatori italiani o stranieri che preferisci e che hanno influenzato il tuo stile?
Il mio autore preferito in assoluto e' Eduardo Risso Ed e' anche una mia palese fonte di ispirazione e studio. I disegnatori ai quali però attingo anche inconsciamente sono John Buscema, Gil Kane, Jordi Bernet, Gino D'antonio, Ivo Milazzo, Colin Wilson e Riccardo Burchielli.
Quali sono i tuoi strumenti di lavoro?
Uso fogli Fabriano F4 lisci, Matita H o 2H, rapidograph della Stadler (varie misure) e pennello o simili
Fai solo il disegnatore hai anche pensato di scrivere qualche sceneggiatura?
Ho scritto anche sceneggiature ma solo per puro divertimento…non ho mai approfondito la cosa.
Come affronti la realizzazione di un albo? In genere ti danno la sceneggiatura completa o poche pagine alla volta?
Dipende, ma in genere siccome i miei tempi sono più lunghi (non facendo il disegnatore come primo lavoro) ricevo un pò di pagine alla volta.

Detective Dante

Qual è il tuo ritmo di lavoro?
Un'altra domanda?? :-) Lavoro spesso la notte o i fine settimana… il giorno purtroppo sono chiuso in ufficio per più di nove ore al giorno e poi ho un figlio da amare e da crescere… (ma non la facciamo lunga) in media una tavola alla settimana…non di piu' anzi…
Ci puoi dire qualcosa dei tuoi progetti futuri?
Sto disegnando un albo per la Carabas, una casa editrice francese. Il titolo provvisorio e' “Welcome to Paradise”. Si tratta di un thriller alla Twin Peaks di cui sono il creatore grafico. La casa editrice e' piccola nel panorama francese, ma il progetto mi piace e poi lo sto facendo con un vecchio amico.
Che musica ascolti in genere?
Il mio genere preferito è il Blues, ma sono da diversi anni che ho iniziato ad amare ed ascoltare Jazz…ma non mi dispiace nemmeno la musica rock a patto che sia molto pesa (metallica docet).

Simone Guglielmini Blog